If radio doesn’t appear, it means you haven’t installed the Flash plugin or that your version is too old. You must also activate Javascript.

Radio ›› Klaxon Gueule
Pour en finir
Track 11 from Pour en finir
CD: Ambiances Magnétiques (2014) AM 220

Artists ›› Klaxon Gueule

  • Articles about Klaxon Gueule

    Record reviews are found in the pages for each disc (via the discography tab).

    5 January 2015
    By Ariane Gruet-Pelchat in BRBR (Canada), January 5, 2015

    Text

    Pour en finir n’annonce pas la fin du groupe Klaxon Gueule […] c’est plutôt le début d’une nouvelle ère…”

    Pour en finir n’annonce pas la fin du groupe Klaxon Gueule. À la limite, si le titre de ce sixième disque annonce quelque chose, c’est plutôt le début d’une nouvelle ère pour cet ensemble montréalais de «free electronic» actif depuis presque 20 ans.

    C’est en tout cas ce qu’Alexandre St-Onge suggère, sourire en coin, en faisant référence à la longueur du titre. Après les disques Bavards, Muets, Grain, Chicken et Infininiment, Pour en finir détonne effectivement avec ses trois mots. À l’intérieur de la pochette, on observe la pyramide formée par l’étalage des noms des pièces. C’est que les trois musiciens de Klaxon Gueule ont en commun un goût prononcé pour la littérature et les jeux conceptuels.

    Alexandre St-Onge, Bernard Falaise et Michel F Côté ont tous des parcours particulièrement diversifiés. Le premier — en plus d’être très actif dans l’art sonore, la performance et la littérature — a joué avec les groupes de rock expérimental Et sans, Feu Thérèse, Pink Saliva et Les esprits frappeurs. Les deuxième et troisième ont collaboré avec plusieurs artistes pop (Marie-Jo Thério, Jorane, Frank Martel, Urbain Desbois), en plus d’écrire régulièrement pour la danse et le théâtre.

    Ils se retrouvent quelques fois par année pour jouer ensemble sous le nom de Klaxon Gueule, que ce soit en spectacle ou pour enregistrer un nouveau disque. Si en spectacle Klaxon Gueule fait de l’improvisation totale, celle-ci n’apparait sur disque qu’une fois traitée. «C’est comme une vente aux enchères, relate Falaise. On se fait un souper, on écoute nos impros et on choisit celles qu’on veut prendre. Puis on part chacun de notre côté avec par exemple huit pièces chacun, pour les mixer.» «Ça crée plein de plans de matière qu’on peut structurer comme des compositions», complète St-Onge. Sur leur second disque, une même improvisation sert même de base à deux mix différents. Il faut dire qu’à l’époque de Muets, Klaxon Gueule était dans une phase considérablement bruitiste.

    «J’étais dans une passe assez radicale», avoue St-Onge, qui, à ce moment, avait complètement délaissé la basse. «On est arrivés pour enregistrer et Alex faisait juste des pssssssshhhhtttttt, et on l’a suivi là-dedans Michel et moi, raconte Falaise. Mais c’est ce qui fait que le groupe a perduré, parce que c’est devenu vraiment intéressant.» En s’attardant sur la discographie de Klaxon Gueule, on peut suivre un peu les tendances qui ont porté les trois musiciens pendant les 20 dernières années. Si le matériau utilisé par Falaise change peu (guitare électrique et pédales d’effets), celui de St-Onge et de Côté est rarement le même. St-Onge, qui fait de la synthèse sonore, n’utilise jamais ses sons deux fois. «On est passés par toutes sortes de trucs, explique St-Onge. Pour en finir est comme une synthèse de nos périodes électroniques avec un retour au free. Je rejoue de la basse articulée, ce que je n’avais pas fait depuis longtemps.» Même si l’électronique est abondamment utilisé dans les improvisations qui servent de base aux pièces finales, il a été utilisé avec parcimonie dans les mix.

    Parallèlement à Klaxon Gueule, les trois musiciens se côtoient régulièrement au sein d’autres projets. Le 14 décembre dernier, en même temps que le lancement de Pour en finir, St-Onge et Falaise sortaient aussi un disque sous le nom de Bibittes avec Éric Forget. Le 14 janvier prochain, à l’occasion du lancement du disque solo Le sujet modifiant le sujet d’Alexandre St-Onge et du disque Botul à la campagne de Michel F Côté et Tiari Kese sur Squint Fucker Press (on vous avait dit qu’ils ne chômaient pas), les trois joueront selon diverses configurations, notamment avec Sam Shalabi, avec qui Côté et St-Onge ont un groupe appelé Jane and the Magic Bananas. «Ce que je trouve fascinant, commente Falaise, c’est que dès que tu changes un membre à un groupe d’improvisation ou même de composition, tout change. Et même quand je suis avec Alexandre et Éric, mon rapport à Alex change comparativement à quand on est avec Michel. À chaque fois on se construit un vocabulaire qui marche avec les deux autres. La meilleure manière de ne pas se scléroser c’est de jouer dans plusieurs formations différentes, idéalement plus d’une fois.» Avec Klaxon Gueule, les trois musiciens évitent les longues improvisations. «On aime mieux explorer une chose et arrêter quand le tableau est fini. Souvent, dans les improvisations, les moments longs, fastidieux ou maladroits sont les transitions entre différents paysages», explique Falaise.

    Amateurs déclarés de la littérature oulipienne, les trois musiciens se sont encore une fois gâtés avec les titres des pièces de Pour en finir, évitant les «ennuyeux» titres illustratifs. En plus de former une pyramide, ceux-ci peuvent être lus à la suite l’un de l’autre ou indépendamment à la suite du titre. «Il y a plusieurs références à des grands textes de la littérature, ajoute St-Onge, comme Pour en finir avec le jugement de Deleuze et Pour en finir avec le jugement de dieu d’Antonin Artaud.» Ils avaient bien essayé d’autres idées, mais les symboles chimiques de différents poisons donnaient une allure inutilement sombre à un projet qui a toujours une touche d’humour.

    blogue@press-5245 press@5245
    1 August 2005
    By Mathieu Bélanger in All About Jazz (USA), August 1, 2005

    Text

    “One of the best concerts of the festival, if not the best, was Klaxon Gueule’s which took place as part of the &records night.”

    […] One of the best concerts of the festival, if not the best, was Klaxon Gueule’s which took place as part of the &records night. The trio, composed of Michel F Côté (percussive objects and microphones), Bernard Falaise (electric guitar) and Alexandre St-Onge (treated electric bass and voice), has an astonishing ability to always redefine, question and push the boundaries of its approach while remaining faithful to its musical identity as a group. […]

    blogue@press-4039 press@4039
    1 March 2005
    By Michele Coralli in Blow Up #82 (Italy), March 1, 2005

    Text

    Montréal, una città moderna con un grande porto e una fiorente attività industriale. Una città come tante altre, forse. Eppure una città dalla forte impronta europea nel cuore del Nord America, un luogo dove esistono un gran numero di musei, gallerie, club e persone interessate alla musica. Un luogo dove anche per gli ambiti più avant-garde esistono spazi quotidiani, non legati all’eccezionalità degli eventi, in cui è possibile ascoltare musiche elettroniche, suoni post-progressivi, improvvisazioni radicali e stilemi nu-jazzistici. Il tutto assaporato nella consuetudine di una vita culturale che ruota attorno ad alcuni locali: O Patro Vys, Le Va-et-Vient, The Shrine, la Galerie Oboro con performance di elettronica sperimentale, la Casa del Popolo (www.casadelpopolo.com) e la Sala Rossa-spazi aperti da Mauro Pezzente, bassista dei godspeed you! black emperor, e luoghi in cui sono passati, tra gli altri, Peter Brötzmann, Tristan Honsinger, Misha Mengelberg, George Lewis, David Grubbs, Rocket From the Tombs, William Parker e molti altri. Nei due locali in questione-uno dirimpettaio dell’altro-assicurano esserci concerti tutte le sere: un fitto programma di performance che diventano anche occasione unica di incontro per molti gruppi locali legati da affinità. Alcuni di questi poi godono anche di un inaspettato successo nel circuito più underground, le cui eco sotterranee si spingono finanche dalle nostre parti. Tanto per citarne alcuni: i già citati godspeed, Le Fly Pan Am, A Silver Mount Zion e Shalabi Effect. Si alternano anche fitte schiere di DJ creativi come Roger Tellier-Craig-ex chitarrista dei godspeed e membro de Le Fly Pan Am-con alias DJ Sundown Sundown, Mingo l’Indien - membro dei Georges Leningrad-e Christof Migone.

    Ma Montréal è anche un rifiorire di piccole etichette discografiche che seguono la fortunata scia dell’esimia Ambiances Magnétiques, che continua comunque la sua attività produttiva e promozionale. Tra le nuove realtà che hanno visto recentemente la luce: Constellation, Alien8, squintfuckerpress, Intr_Version ed &records, fondata da Michel F Côté e Fabrizio Gilardino. È proprio con questi ultimi due che sono stati messi a punto i contatti che hanno portato a questa intervista con i Klaxon Gueule, uno dei gruppi più interessanti della scena francofona canadese, costituito dal percussionista e manipolatore di elettronica Côté, già membro del collettivo Ambiances Magnétiques, dal chitarrista/tastierista Bernard Falaise e da Alexandre St-Onge, bassista legato mani e piedi alle visioni elettroniche degli altri due. Tutti e tre legati a quel mondo sonoro degli ambienti magnetici di Jean Derome, Joane Hétu e compagni. Oggi la &records si ripresenta con una serie di progetti individuali di Côté, Falaise/Tétreault (vedi Blow Up#77) e con il nuovo lavoro dei Klaxon Gueule, il quarto di una serie che promette stimolanti visioni nel futuro prossimo digitale, ma non solo.

    Il vostro ultimo disco Chicken è ormai saldamente ancorato all’interno di un territorio caratterizzato da un "pensiero elettronico", una sorta di sensibilità che determina, anche nel suonare uno strumento acustico, un approccio elettronico, ovvero orientato a timbri ed espressioni che, pur non essendo filtrate, suonano come se lo fossero. Ci stiamo abituando a vedere elettronica dappertutto o questa sta diventando davvero una protesi del pensiero musicale di questo nuovo millennio? Michel F Côté (MFC): Una protesi di certo no, piuttosto un elemento a sé stante; un "organo" relativamente nuovo che si aggiunge alla lunga lista di strumenti musicali. L’elettronica non è più quel territorio musicale esclusivamente riservato agli "avventurieri" sonori, ma fa ormai parte dell’universo quotidiano di qualsiasi musicista. Il pensiero musicale vi si ritrova completamente immerso. Ci sono voluti una quarantina d’anni, ma da qualche tempo a questa parte il fenomeno si è accelerato-e democratizzato-con l’avvento del digitale. Un’estetica totalmente inedita s’è infiltrata dappertutto: un’estetica che permette di "riascoltare" gli strumenti acustici (e elettrici), senza rimpiazzarli. Anzi, essa aggiunge, suggerisce nuovi approcci cromatici, nuovi timbri e propone una nuova sensibilità temporale e spaziale. Il "grano" della fibra musicale riveste un nuovo ruolo e reagire di fronte a questa nuova sfida estetica mi sembra irresistibile.

    Bernard Falaise (BF): I musicisti reagiscono come spugne. Senza che ciò diventi una protesi, mi pare normale e, aggiungerei, vitale che i suoni elettronici ci sollecitino, così come accadde a proposito dell’invenzione stessa delle tecniche di registrazione. Ciò detto, è vero che una delle mie preoccupazioni principali, all’interno di Klaxon Gueule, è quella di integrare in modi diversi la chitarra elettrica all’interno d’un paesaggio elettronico, senza che l’ascoltatore possa capire chi ha suonato cosa…In una nostra precedente intervista Côté ci aveva suggerito come il passaggio dall’analogico al digitale avesse definitivamente contribuito all’emancipazione del rumore che da parassitario è oggi diventato protagonista. Non pensate che questo processo sia determinato anche da una crisi della forma in quanto tale (intendendo con essa melodia, armonia e strutture varie)? MFC: John Cage ha affermato che la nostra definizione di rumore poggia su basi oggettive insufficienti per poter tracciare una frontiera ben precisa tra suoni musicali e suoni non musicali. Di fronte a una tale affermazione - visionaria e liberatrice-l’emancipazione del rumore doveva per forza diventare necessaria, cosa che la tecnologia digitale ha permesso in modo definitivo. La musica quindi si è arricchita. Per ciò che riguarda, invece, i quesiti più formali, non mi pare che ciò sia un’esclusiva del XX e XXI secolo; direi che questo dilemma ha conosciuto una forte accelerazione da un secolo a questa parte. Le rivoluzioni estetiche si susseguono l’una all’altra; parallelamente, l’assolutismo del Vero, del Bello e del Buono è stato dissanguato, kaput! Tutto ciò è positivo per l’invenzione, ha fatto del bene alle nostre orecchie.

    Eppure all’ascolto di Chicken la prima sensazione che ho avuto è di ascoltare delle "canzoni", per quanto molto trasfigurate. Mi sono fatto delle idee sbagliate?

    MFC:Sensazione affatto erronea. Si tratta effettivamente di canzoni, non dello stesso genere di quelle che si potrebbero cantare attorno al caminetto del salone. Anche se, d’altra parte, si canta sempre più di rado attorno a un caminetto…

    BF: No, hai assolutamente ragione. I miei compari non hanno potuto rinunciare alla grande fiamma lirica che li animava. Il mio solo rammarico è che non si siano stampati i testi sulla copertina del disco (che ovviamente non esistono, NdR).La &records nasce da una costola di Ambiances Magnétiques, una delle etichette storiche, non solamente nel panorama avant canadese, ma anche punto di riferimento di molti amanti del suono eterodosso in tutto il mondo. Come mai questa scelta autonomista e quali sono i vostri attuali rapporti con loro?

    MFC: &records è innanzitutto un progetto artistico. Fabrizio Gilardino e io abbiamo incominciato una collaborazione a lungo termine, che definirei estetica. Ambedue appassionati di musica, abbiamo avuto voglia di proporre una serie di oggetti musicali e non solo, visto che l’aspetto visivo vi svolge un ruolo di primo piano. Quest’iniziativa può esser vista come una ramificazione "artistica" di Ambiances Magnétiques: sia Fabrizio che io stesso siamo attivamente legati a Joane Hétu (sassofonista, tra i membri fondatori di Ambiances Magnétiques, Hétu si occupa di DAME, una struttura di produzione e distribuzione che raggruppa varie etichette canadesi, NdR) e a tutto l’ambito di Ambiances. &records è un indice della buona salute e della proliferazione contagiosa della vitalità musicale di Montréal.

    I vostri precedenti album sono stati incisi per Ambiances. Quali cambiamenti ritenete che ci siano stati rispetto a questa nuova produzione?

    MFC: Nessun cambiamento. O forse solamente questi nuovi parametri: &records, come nuovo "vettore" che voglio utilizzare-le nostre produzioni sono in un certo senso più "artigianali" di quelle di Ambiances Magnétiques; il fatto d’esser legato a doppio filo ai due progetti (Klaxon Gueule e l’etichetta) e il territorio "canzone". BF: Ciascun disco di Klaxon Gueule è stato costruito in modo diverso, sia a livello della composizione, che delle tecniche di registrazione e mixaggio. Con Chicken, volevamo ritornare a un suono più vicino a ciò che facciamo dal vivo, rispetto a Grain, che era stato abbondantemente re-mixato. La scelta di uscire su &records è stata fatta dopo le registrazioni e quindi non ne ha influenzato la musica.

    Muets(Ambiances Magnétiques, 2000) è stato inserito nella guida di Blow Up dei 600 album fondamentali, un vademecum che parte da Piano Music di Erik Satie e arriva fino a "Knife Play" degli Xiu Xiu. Che effetto vi fa, se ve ne fa qualcuno?

    MFC: 600 dischi costituiscono una discoteca piuttosto ampia; mi piacerebbe sapere quali sono gli altri 597…Ritrovarmi in compagnia di Satie mi fa piacere. Non ho mai ascoltato gli Xiu Xiu, ma mi piacerebbe sentirli…BF: Ne sono onorato e sarei curioso di dare un’occhiata alla lista completa. Se avessi dovuto scegliere un solo disco dei Klaxon Gueule per una lista simile, avrei scelto anch’io Muets.

    Di un tipo di musica come il vostro si fatica sempre ad immaginarsene la genesi. I vostri brani nascono per lo più tramite processi di accumulo o, al contrario, per mezzo di progressive sottrazioni?

    MFC: Esiste sempre una specie di orientamento estetico di base: il concetto di "power trio", il free jazz, l’elettroacustica, l’elemento digitale e l’idea di canzone. A livello più concreto, lavoriamo a partire da una base improvvisata in studio, elaborata a partire da un certo numero di istruzioni preventive. In seguito, accumuliamo o sottraiamo, insieme o ciascuno di noi separatamente, a seconda delle modalità di composizione che abbiamo scelto.

    BF: Più che altro, parlerei d’un processo di selezione. Finora - ma ciò potrebbe cambiare-ciascun album di Klaxon Gueule è nato a partire da un certo numero di sessioni in studio di registrazione, completamente improvvisate. Al materiale successivamente selezionato, possiamo aggiungere o sottrarre diversi elementi. La fase di mixaggio è anch’essa importante. In genere ciascuno di noi, individualmente, mixa un certo numero di brani, fino a che la direzione che vogliamo prendere diventa più chiara e allora certe scelte s’impongono. E in genere tutti e tre, piuttosto sorprendentemente, siamo sempre d’accordo con le scelte proposte. Strano. Molto strano.

    [Si ringrazia Fabrizio Gilardino per la preziosa collaborazione]

    I dischi

    Klaxon Gueule Bavards * 2 CD Ambiances Magnétiques * 12/6t-47:32/46:27 1997: un esordio che fa sentire tutto il proprio peso: un doppio CD che contiene una novantina di minuti tutti all’insegna della potenza del power trio della più sfacciata ascendenza rock. Bavards , che in francese sta per chiacchieroni, mette in luce tutta la verve esuberante del trio, solido, coerente e ben assestato entro un filone avant-rock dalle forti nervature jazz e prog-core, che trova ramificazioni nell’irruenza di certo Fred Frith o dei This Heat di Bullen/Hayward/Williams o, per mettere ulteriori cardini, in alcune para-improvvisazioni di The Ex. Nel secondo CD l’organico si allarga con l’aggiunta dell’alto-sassofonista Christopher Cauley che spariglia il mazzo con carte che portano effigi tratteggiate da senso di potenza del suono caro ai Tim Berne e John Zorn di un tempo, ma anche all’antesignano Brötzmann prima di loro. Un gruppo senza veli per un disco senza sottintesi. (8) senz’altro per la capacità di controllo e per l’abilità nell’evitare cadute di tono in un’ora e mezza di musica da ascoltare tutta in un fiato. Klaxon Gueule Muets * CD Ambiances Magnétiques * 12t-50:05 1999: il quadro si complica. Del power trio iniziale scompaiono quasi completamente le tracce. O per lo meno, se ne ha un esilissimo ricordo in un panorama che trasfigura completamente l’organico strumentale di partenza. Eppure qualche cosa di strutturato ancora si muove sullo sfondo. L’effetto è come quello che molti hanno avuto nel sentire "Lark’s Tongues in Aspic" dopo "Red" dei King Crimson. All’attesa dell’impatto si sostituisce un flusso semi-improvvisato in cui piccoli giochi elettronici condiscono le rarefatte atmosfere di Côté, qui più Jamie Muir che mai, e di Falaise e St-Onge, che si avvicinano ai Fripp/Eno di "No Pussyfooting". Il Municchi l’ha inserito come primo disco del nuovo millennio della famigerata guida dei 600 dischi di Blow Up. Probabilmente Muets (muti, in contrasto all’esordio chiacchierone) è un lavoro che contiene in sé i germi della transizione verso i panorami sonori del futuro. (8):perché sperimentare non significa per forza creare tabulae rase. Klaxon Gueule Grain * CD Ambiances Magnétiques * 10t-43:24 2002: il futuro è qui. Il processo di mutazione che si era avviato con "Muets" trova il suo compimento con Grain. Il "grano" della fibra musicale di cui parla Côté nella nostra intervista è senza dubbio scomposto, alterato e modificato nella sua essenza. Eppure, paradossalmente, anche nella preponderante manipolazione dei materiali, non si ha il senso dell’abbandono all’alveo dell’alienazione, idea cara a chi usa l’elettronica per "criticare il sistema", bensì della certezza che una nuova dimensione sonora si sta affacciando alle nostre orecchie, ed è quella in cui l’uomo, con tutte le sue proiezioni tecnologiche, e la natura, vettore di qualsiasi attività acustica, si alleano in un’unione artistica strategica a scadenza. Oggi è così, domani chissà! Grain si avvale della collaborazione di Christof Migone e Sam Shalabi che fanno di questo lavoro uno dei più manipolati in sede di post-produzione tra tutti quelli targati Klaxon Gueule. Drones e circolarità che ne fanno un lavoro quasi ambient.(7)

    Klaxon Gueule Chicken * CD &records * 10t-33:15 2004: oggi. La sintesi delle precedenti esperienze, se si esclude la strana creatura Bavards. Abbiamo parlato di canzoni per un’impressione di fondo che viene indotta nel corso dell’intero lavoro. Wawawo, brano con cui si apre Chicken, è il titolo della canzone il cui testo fa proprio "wawawo" e la stessa cosa può dirsi delle onomatopeiche Fra fron fron e Bo doum. La forma può oggi considerarsi totalmente usurata, ma darne un senso così ricontestualizzato può fornire il LA ad alcuni possibili sviluppi. È come lasciare per quarant’anni Bob Dylan dentro una stanza di decompressione ad ascoltare Hymnen di Stockhausen e Poème électronique di Varèse messe in circolo in un eterno loop, oppure, se preferite, far rimbombare a Stockhausen due ore di Jeff Mills in cuffia. L’effetto è possibile esperienza in Dwong, un ricordo techno/etnico in forma di pulsante dijeridoo elettronico. Nella sua epigrammaticità Chicken è un lavoro stratificato e ricco di rimandi, che richiede ascolti concentrati a mente libera. L’esatto opposto di molta musica elettronica glitch-fast-food che circola dalle parti delle nostre orecchie.(8)

    Glossario

    Riportiamo qui una felice elucubrazione di Gilardino sulla traduzione dal francese dei termini klaxon e gueule. «Klaxon vuol dire chiaramente clacson. Mentre gueule significa varie cose: le fauci di certi animali, prima di tutto; nel francese più popolare, parlato, significa bocca oppure ancora viso, mascella, grugno, soprattutto in espressioni come ferme ta gueule, chiudi il becco oppure casser la gueule à quelqu’un, rompere il muso a qualcuno; se casser la gueule, cadere, farsi male, rovinarsi; faire la gueule, fare il muso; avoir de la gueule, essere in forma, ben vestito, cool. Nel francese del Québec, ricco di espressioni particolari, une claque sur la gueule significa un ceffone sulla faccia. In altre parole Klaxon Gueule non significa nulla, anche se è evidente l’allusione al rumore, da una parte, e alla potenza, dall’altra. A tutti è piaciuto quell’accostamento che suona come qualcosa di molto dada.»

    blogue@press-2798 press@2798
    1 December 2004
    By Alfredo Rastelli in Sands Zine (Italy), December 1, 2004

    Text

    Tracciare la storia, seppur breve, di una band che in meno di dieci anni e soltanto in quattro dischi ha già dato tanto alla causa ‘musica’ non è la cosa più semplice di questo mondo. Abbiamo però avuto la fortuna di parlarne con uno dei protagonisti, Alexandre St-Onge, cioè 1/3 dei Klaxon Gueule, contrabbassista e sperimentatore d’eccezione della scena canadese, ma meglio sarebbe dire mondiale, che ci ha aiutato a capire meglio come nasce un suono così originale e innovativo (o anche solo a confermare le impressioni che già ci eravamo fatti) e soprattutto come ci si muove all’interno di un’arte su cui sembra sia già stato detto e fatto di tutto. Trascrivere tutta la conversazione avuta con Alexandre è un’impresa titanica e forse alcune cose potrebbero non interessare chi vuol sentire parlare solo di musica. Personalmente ho i miei dubbi: nella musica ritroviamo ogni componente della nostra vita, gli affetti, gli studi, la politica, i film visti, le letture fatte (come vedrete Alexandre si dice influenzato da Bataille); sono tutte cose che arrivano a formare e a guidare la personalità di ognuno nel momento in cui la si esprime, in una band o in qualsiasi altra attività.

    I Klaxon Gueule sono Alexandre St-Onge al contrabbasso, Michel F Côté alla batteria e Bernard Falaise alla chitarra. I tre si formano in quel di Montréal, vera a propria fucina di talenti, mai parca di attività, progetti e collaborazioni; merito anche della posizione dominante che esercita sulla città, al pari di una grande madre, un’etichetta rinomata come l’Ambiances Magnétiques che ha fatto scuola e che è ora parte della più grande entità actuellecd.com in cui confluiscono molte delle etichette canadesi come la Alien8, la &records di Fabrizio Gialardino e dello stesso Michel F Côté ed anche la label che Alexandre St-Onge ha messo su con l’amico Christof Migone (un’amicizia solida a cui accennerà più volte, in seguito), ovvero la Squint Fucker Press, di cui proprio nel 2004 abbiamo amato il bellissimo Escape Songs di Migone e Veda Hille. L’unico che ancora non ha messo su un’etichetta è Bernard Falaise il quale, a detta di Alexandre, è più portato a suonare dovunque e con chiunque senza vincoli di alcun tipo.

    Queste amicizie e queste collaborazioni vengono instaurate in completa libertà e tendono sempre più a ramificarsi; esemplare da questo punto di vista anche i rapporti col giro Constellation, se vogliamo il circuito più popolare della scena di Montréal: Alexandre è stato ospite infatti nei dischi dei Fly Pan Am ed è frequente collaboratore nonché amico di Roger Tellier-Craig degli stessi Fly Pan Am e Godspeed You! Black Emperor. Le amicizie hanno un grosso peso e ciò lo si evince anche dai riferimenti frequentissimi che Alexandre fa alla sua cerchia di amici nel corso della conversazione: da Migone a Tellier-Craig a Fabrizio Gilardino e Mirko Sabatini. Tantissime, negli anni, le uscite dei dischi solisti e le collaborazioni in cui abbiamo visto agire i tre: quest’anno abbiamo apprezzato molto i dischi della &records, ovvero il ‘solo’ di Michel F Côté (63 Apparitions) e la collaborazione tra Falaise e Martin Tétreault (Des gestes défaits, recensioni entrambe on-line) senza contare, lo scorso anno, il debutto dei Bob che vedeva partecipi tutti e tre i membri dei Klaxon Gueule, insieme ad altri artisti. Impegnandoci di trattare in futuro di queste attività parallele, ci dedichiamo adesso a raccontare dei soli Klaxon Gueule, approfittando del fatto che è appena uscito il nuovo disco, Chicken, bellissimo, licenziato proprio dalla &records, dopo che i primi tre cd erano stati pubblicati dalla Ambiances Magnétiques. Ma andiamo con ordine.

    I Klaxon Gueule si formano a metà degli anni ’90 quando io e Michel (che già improvvisavamo per conto nostro) assistemmo ad una performance impro di Bernard in un locale: quando Bernard a sua volta ci vide suonare ci propose di unirci a lui per realizzare insieme qualcosa di interessante. Con queste parole Alexandre St-Onge (incontrato nei primi giorni di dicembre durante un suo passaggio a Napoli, in una delle rarissime sere in cui nella città non è stato ammazzato nessuno) descrive la nascita dei Klaxon Gueule.

    Quello di cui scriviamo è un gruppo originalissimo a cominciare dal nome che associa due parole che esprimono forza; Il nome non significa nulla; nasce dall’unione di due sostantivi, klaxon (proprio il clacson delle automobili) e gueule (mascella) che pronunciate insieme confluiscono, dal punto di vista fonetico, una forza maggiore a due parole che già di per se alludono al casino, al rumore, alla potenza e alla durezza. Il nome è stato trovato da Bernard ed è piaciuto subito a tutti noi per via di questo accostamento molto dada. Tutto ciò si traduce in una musica scevra dai compromessi, forse ostica, ma non tale da impedire a chiunque di apprezzarne la qualità, l’originalità e la carica destabilizzante.

    Il debutto discografico del trio arriva nel 1997 con Bavards, doppio cd in cui i tre decidono di fare piazza pulita delle loro passate esperienze; il disco infatti segna una rottura con quello che verrà, un punto di non ritorno nella loro carriera, e ciò lo si avverte in modo lampante con l’ascolto dei successivi lavori. Bavards consta di due cd che rappresentano un compendio delle istanze rock di stampo impro tagliente e compatto come certe produzioni di rock-in-opposition e con numerose influenze jazz; nel primo cd l’assetto è quello usuale con Michel F Côté alla batteria, Alexandre St-Onge al contrabbasso e Bernard Falaise alla chitarra; nel secondo cd la line-up si allarga anche al sassofonista Christopher Cauley e il tutto assume un aspetto da free-jazz elettrico con atmosfere oscure e fumose da ghetto metropolitano: sì, Bavards è un punto di rottura con le strutture passate, esso è stato volutamente composto per essere free jazz e suonare potente come un disco di hard-core. In pratica possiamo dividere la storia dei Klaxon Gueule così: c’è Bavards da un lato e poi tutto il resto. Il disco, infatti, pur lasciandosi apprezzare per le indubbie doti tecniche e per la completezza strutturale, risulta datato se confrontato con le vette raggiunte di lì a poco.

    Muets, che segue di due anni l’esordio, è ancora suonato in classico assetto rock da power trio (schieramento che verrà mantenuto in tutti i lavori successivi), ma della musica tutto si può dire fuorché sia ‘classica’. Infatti il disco (che, giusto per inciso, è uno dei capolavori degli anni ’90) brilla per originalità delle strutture e limpidezza del suono; arduo riconoscere in questi intrecci sonori il tradizionale suono di chitarra, basso e batteria, piuttosto il tutto sembra essere il risultato di elaborate composizioni elettroacustiche e non invece di spietate improvvisazioni: non so se i miei due compagni la pensino come me ma io mi sento parte integrante di un power trio; noi suoniamo rock anche se è una versione avanzata di esso: c’è una relazione tra il rock e il nostro modo di improvvisare; sono come due piani sovrapposti che si arrivano a tangere. La musica dei Klaxon Gueule è tutta improvvisata; più che altro noi ci lasciamo trasportare da un mood, oppure seguiamo delle coordinate decise in un momento precedente; ad esempio si stabilisce chi sia il primo a suonare e il momento in cui gli altri debbano intervenire oppure viene deciso che uno di noi inizi a suonare nell’istante in cui gli altri abbiano smesso e così via. Alcuni pensano che la nostra musica sia il frutto di composizioni studiate ma in realtà è tutto totalmente improvvisato.

    Con Muets i tre fanno esplodere il rock e ne raccolgono i resti, quelli più piccoli e infinitesimali, che vengono poi ricomposti in un puzzle anomalo creando quadretti deformi e tetri ma anche avvincenti. Scompongono cellule sonore per elaborare dna mutanti; aggiungono e sottraggono particolari, utilizzano liberamente frammenti metallici, creano disturbi e disegnano traiettorie errate come macabri scherzi del destino, aprono e chiudono squarci nella pelle come folli scienziati. Ogni tanto una scoria più grande delle altre viene lasciata intatta e possono emergere così reminiscenze di una musica familiare (la chitarra sincopata simil-Starfuckers in th, il tentativo fallito di elettrojazz di ul e eg). Vengono quindi messi da parte i suoni debordanti precedentemente utilizzati a discapito di atmosfere più sottili e insinuanti. Il disco mantiene sì un’impostazione rock ma sfocia in definitiva in intricate trame elettroacustiche che danno vita a piccole sinfonie avanguardiste e minimali. Non vogliamo più suonare jazz, l’abbiamo fatto in passato ma adesso ci va di fare altro; con Bavards volevamo un disco propriamente free jazz e quindi chiamammo Christoper (Cauley, ndr) al sax in modo che suonasse potente come Ornette Coleman o Jimmy Lyons; in seguito abbiamo deciso di essere più sperimentali, alle prese con vere e proprie textures strumentali.

    Nell’atto di creazione si combinano fattori contrapposti, l’elettro e l’acustico così come l’analogico e il digitale: Io e Michel siamo soliti trafficare più col digitale e con i computer mentre Bernard è quello più predisposto ad utilizzare apparecchiature analogiche. Ma il suono digitale spesso non è puro perché ci piace anche sperimentare convogliando il digitale in apparecchiature analogiche.

    Il successivo Grain, uscito nel 2002 sempre per la Ambiances Magnétiques, mostra dal punto di vista stilistico dei cambiamenti di non poco conto; maggiore è infatti l’uso di elettronica, complice la partecipazione di Christof Migone e Sam Shalabi alle prese con i computer. Il disco è dominato da particelle free di elettronica che proprio non riescono a seguire percorsi lineari (fer (huilé); fonte sur cuivre jaune); ci si perde come in un labirinto senza uscita e così è inevitabile che nel disco si alternino momenti diversi tra di loro: attimi di ironia glitch (fonte sur plomb; fer sur plomb) sono contrapposti a sprazzi di rumore e scorie industrial (fer blanc sur frêne; fer pour bronze): gli ospiti di Grain hanno determinato lo spostamento del nostro suono in una direzione più elettronica; ci è sempre piaciuto suonare con gli amici, soprattutto, per quel che mi riguarda, con Migone e Shalabi che sono i miei migliori amici. Grain suona diverso perché è stato composto in maniera differente da come eravamo abituati: esso è stato prodotto durante una settimana trascorsa in una casa in campagna con gli amici. È più elettronico perché abbiamo voluto trafficare con computer e processing e soprattutto abbiamo lavorato tutti e tre separatamente; uno di noi ha creato un qualcosa che è stato successivamente elaborato da un altro e poi da un altro ancora, al contrario di Muets e Chicken che invece sono suonati totalmente live. Per Muets in particolare abbiamo voluto ottenere un impatto fisico.

    E così arriviamo al nuovo disco, Chicken, che segna il distacco dall’Ambiances Magnétiques in favore dell’emergente etichetta che lo stesso Michel F Côté condivide con Fabrizio Gilardino, autore tra l’altro dei bellissimi artwork di tutti i dischi del trio: l’Ambiances Magnétiques sta in giro da parecchio, noi li rispettiamo e siamo sempre grandi amici, ma lavorare per loro significa anche identificarsi con un certo tipo di suono mentre noi cercavamo contesti differenti; non sarebbe stato possibile infatti nemmeno uscire per l’Alien8 che è, se vogliamo, più ‘trendy; ci sentiamo fuori da tutto questo. L’Ambiances Magnétiques avrebbe gradito pubblicare il nuovo disco e per noi non è certo facile privarsi dei servigi di una grossa label ma volevamo provare con una nuova etichetta; ci piacciono le sfide. Non penso che ci saranno degli svantaggi dal punto di vista delle vendite perché anche prima non è che avessimo tutta questa popolarità anzi, non abbiamo mai venduto molto e quindi non ci sono grossi rischi in tal senso; poi, insomma, per farla breve, la &records è la label di Michel e Fabrizio e quindi ci è sembrato naturale pubblicare Chicken per loro. Dopo l’elettronica di Grain, il nuovo disco mostra un ritorno ai suoni di Muets; i due lavori possono infatti considerarsi collegati e non a caso sono anche gli unici lavori dove i tre non si servono di ospiti esterni ma lavorano esclusivamente in proprio. Il metodo di composizione di Chicken è diverso dagli altri anche se ci sono molte similitudini con Muets; Chicken è stato composto con Michel che suonava un piccolo kit di batteria, oggetti e computer, io al canto e al contrabbasso e Bernard con chitarra ed elettronica; il tutto è stato poi processato al computer. Per il futuro abbiamo intenzione di continuare a lavorare in questo modo. Anche questo è un disco suonato live, una dimensione che abbiamo intenzione di esplorare a fondo nel futuro facendo molta attività dal vivo; non è certo facile esibirsi ed avere un buono riscontro di pubblico per chi non è così trendy come gruppi del calibro di Godspeed You! Black Emperor: adesso stiamo organizzando un tour e speriamo che Chicken costituisca un punto di partenza per una intensa attività live.

    Chicken è anche il disco in cui fa capolino, per la prima volta, la voce. Prevalentemente è Alexandre St-Onge che si occupa di questo aspetto ma un contributo, seppur in maniera minore, è dato anche da Michel F Côté. Non aspettatevi però una voce e un cantato tradizionale: si tratta piuttosto di aborti di vocalizzi, distorti e filtrati, che si cuciono alla perfezione nelle trame sonore al pari di un vero strumento. Come in Muets anche stavolta ci troviamo di fronte un Frankenstein sonoro con la sola differenza che in questa occasione il suono è leggermente più ‘massimalista’ e ‘rock’del suo predecessore; più nitido il legame con i Starfuckers/Sinistri (a cui li avvicino soprattutto perché considero entrambi i gruppi il top in assoluto) nei momenti dominati dalle chitarre taglienti e dai ritmi singhiozzanti (wawawo). Il disco vive di momenti altissimi come nelle sovrapposizioni tra minimal-batteria, elettronica e riverberi di chitarra (roken dodelijk) o il non-jazz di annie prima o ancora la festa di percussioni in instrumental III.

    Chicken è il mio lavoro preferito insieme a Undo (disco in cui Alexandre suona con Christof Migone, uscito nel 2000, per la personale label Squint Fucker press, ndr) e al recente disco di Sam Shalabi, e non lo dico perché è l’ultimo che abbia fatto, come si usa sempre fare, ma perché lo penso realmente. Per quanto riguarda la voce invece: mi piace cantare in un contesto astratto, non come un songwriter classico, ma , ad esempio, come gruppi tipo Wolf Eyes di cui apprezzo moltissimo l’ultimo disco su Sub Pop o i Black Dice; essi suonano come fossero una rock band ma in contesti non usuali per il genere ed anche per questo possono dar vita a pareri contrastanti sulle loro qualità o a creare spaccature nel pubblico. Nel lavorare sulle parti vocali sono stato influenzato anche dai lavori di Pierre Henry e Henri Chopin di cui ho sempre apprezzato la creazione di fragili melodie vocali innestati su contesti di musica astratta. Quella delle influenze è un discorso interessante: difficile rilevarle per chi non sia totalmente dentro la loro musica, e quindi per tutti coloro che sono al di fuori della band. Bataille ha certamente ispirato il mio modo di suonare e credo proprio che il bello dei Klaxon Gueule sia quello di convogliare nei nostri lavori le svariate influenze che ognuno di noi ha nel proprio background; forse è per questo che non si riesce a collegare il nostro suono a qualcosa di preciso; ad esempio, Michel ritiene che nella nostra musica ci sia qualcosa che ricordi i primissimi Residents.

    Per finire, il futuro riserva una serie di esibizioni dal vivo, non solo con i Klaxon Gueule ma anche con altri progetti, tra cui uno di questi messo in piedi da Alexandre con Roger Tellier dei Fly Pan Am in cui suonare più rock e con canzoni nel senso tradizionale del termine; poi ancora, c’è da scommettersi, nuove uscite per le loro etichette personali e chissà quant’altro ancora.

    blogue@press-2973 press@2973
    25 November 2003
    By François Couture in actuellecd.com (Québec), November 25, 2003

    Text

    The Holidays are closing in. Are you wondering what gifts to buy this year? You’re looking for the original gift, the one that will surprise and please? Why not expand the musical horizons of a loved one, a colleague at work, or a cousin you haven’t seen since last Christmas? Here’s my highly personal selection of gift ideas to introduce someone (or yourself, you’re allowed to indulge from time to time!) to the wonderful world of "musique actuelle."

    That good ol’ song

    It may seem a bit easy, but everyone likes a good song. That said, we don’t all have the same definition of what a good song is. And the artists in DAME’s catalog take some liberties with this format — that’s what makes things exciting. But Geneviève Letarte’s Chansons d’un jour will please anyone looking for songs with intelligent, accessible melodies and poetic lyrics. The soft melancholy of Chants des adieux, chants de la solitude will profoundly move dreamers in search of a different voice (Lou Babin’s, irresistible).

    You don’t understand French? The lyrics of Jerry Snell’s album Life in the Suicide Riots will make you think hard about the world we live in. And the chugging guitar riffs of André Duchesne ’s Locomotive will catch the attention of any rock fan, even one deaf to French. Speaking of rock, the deconstructed rock of the all-female group Justine can keep you busy for a while, lyrics or no lyrics. Their first album (Suite) is a powerful mixture of progressist rock, while their second Langages fantastiques leans more toward improvised songs. If you want a taste of what songwriting avant-garde artists can come up with, try the compilation album Chante! 1985-2000, a wide and wild selection of unusual songs.

    Party time

    A time for celebrating, letting off steam, and disobedience, the party when applied to music can give way to a distortion of admitted rules. L’Orkestre des pas perdusinjects a new form of circus life into fanfare music, an infectious R ’n’ B (rhythm ’n’ brass, of course) that will refresh any parade. Its cousin Les Projectionnistes (both bands are led by Claude St-Jean) trades circus for rock and the brass section transforms from funny fanfare to frenetic funk. Taking a different approach, the Fanfare Pourpour leaves the official parade attire behind to favor the spontaneity of a street fanfare. It’s music for "everyone" (Tout le monde, the title of their first album) without dropping to the lowest common denominator.

    In a similar spirit, but adding an East-European flavor and an incredible dose of energy is the group Interférence Sardines, which features two members of the neo-trad group Les Batinses. Jean Derome et les Dangereux Zhoms walks a jazzier road, but its frivolous side easily becomes delightfully exuberant. The group’s three albums are all highly recommended, but Carnets de voyage remains an excellent place to start. And I find the same spirit of excessiveness and raw emotion in La boulezaille (Pierre Langevin and Pierre Tanguay) and Plinc! Plonc! (Jean Derome and Pierre Tanguay), two albums where world music, jazz and free improvisation collide.

    And to boldly go where few have gone before

    Maybe you would like to go further and hook someone on a kind of "musique actuelle" that is more daring and abstract. Here are a few key albums from DAME’s catalogue in improvised and electronic music.

    Martin Tétreault is one of the most fascinating experimental artists right now. His technique at the turntable spins 45 questions per minute. His recent album with Diane Labrosse, Parasites, puts disquieting quiet sounds under the microscope. And Studio — Analogique — Numérique, his fresh collaboration with the Japanese mastermind Yoshihide Otomo, proposes cutting-edge sonic research in very original packaging: a box set of three 3" CDs.

    A pillar of the avant-garde music scene since the early ‘70s, Fred Frith remains the favorite of many connoisseurs. The two albums by the Fred Frith Guitar Quartet (with René Lussier, Nick Didkovsky and Mark Stewart) are essential listens. DAME also distributes the titles released by Frith’s own Fred Records.

    One of the first groups from the DAME stables to have explored electroacoustic improvisation, the Klaxon Gueule trio revels in noisy textures and demanding pleasures. Their last two albums Muets and Grain met critical acclaim. And I also want to mention the Ohmix compilation album, a daring electronic project where select artists (including Martin Tétreault, David Kristian, John Oswald, Terre Thaemlitz, and Ralf Wehowsky) remix the albums of the label Avatar.

    Finally, instead of sending out the usual Christmas cards, consider the sound post cards produced by the label Ouïe-Dire. These are regular post cards accompanied by 3" CDs from French experimental artists. And happy Holidays!

    blogue@press-3046 press@3046
    29 June 2003
    By David Turgeon in actuellecd.com (Québec), June 29, 2003

    Text

    As we begin this series of articles on various catalogue-related themes, why not start with the hardest artist to pin down from the Ambiances Magnétiques collective: prolific and eclectic drummer Michel F Côté.

    A late arrival to the Ambiances Magnétiques roster (joining in 1988), Côté readily put himself on the fringe of various geometrically variable groups. He could be heard for the first time in the debut Bruire album, Le barman a tort de sourire, a surprise box with no less than 14 guest musicians. Bruire is Côté’s very poetic project-group, in which he plays with the language of avant-garde, song and ambient music. This album launched a trilogy which continued in an increasingly mature vein with Les Fleurs de Léo, to end with the unforgettable L’âme de l’objet. This travelling in three steps has given us the chance to hear collaborators such as Geneviève Letarte, Jerry Snell, René Lussier, Ikue Mori, Claude St-Jean and Jean Derome, all of whom helped to feed our drummer’s fertile imagination.

    More than six years passed before a new Bruire project could be heard, this one a very different beast: Chants rupestres, an improv quatuor with Jean Derome, Normand Guilbeault and Martin Tétreault. In fact, during these six years, Côté had been working on other projects which were increasingly more… deconstructed. The first sequels of this could be seen in a collaboration with Diane Labrosse, a slightly obscure CD purposely entitled Duo déconstructiviste. And if the first (double) album from his new project Klaxon Gueule, Bavards, was to sport a fairly recognisable “rock” energy, this project would soon see Côté at his most abstract.

    The least we can say is that the release of Muets, a shiny minimalist jewel completely at odds with Bavards, would be a surprise to most listeners. One thing was for sure though, this new CD, released in 1999, was certainly more in phase with its era than the Duo déconstructiviste which was, in retrospect, perhaps too much in advance on its time. But this change was also due to the aesthetic evolution of doublebassist Alexandre St-Onge who, from a relatively “classical” playing, was to suddenly turn to a rather more conceptual approach towards his instrument. Côté and guitarist Bernard Falaise were thrilled to follow their bandmate in this new direction. Their latest album, Grain (recorded with Sam Shalabi and Christof Migone), confirmed this tendancy while pushing it even further into sophistication, making this work one of Côté’s most accomplished of his discography.

    But the drummer did not stop there and reappeared where no one was expecting him. Thus, with Éric Bernier and Guy Trifiro, he created a new group, Bob, whose new disc, Unstable Friends, just came out. Under some fairly deviant and attractive cover artwork, a return to the bizarre “pop” music from Bruire’s beginnings is taking shape! We also heard through the grapevine that a new project called Mecca Fixes Clock (in which we can recognise the composer’s initials!) which could be described as orchestral ambient. Is Côté returning to his first loves?

    If it isn’t so easy to give an overview of Michel F Côté as a musician, then that might be because his work goes beyond just music. In fact, one can often hear our protagonist at the theatre and in performance art, with such creators as Robert Lepage and Catherine Tardif. This aspect of his work finds its echo on Compil zouave, so far the only disc released under the composer’s name. We should also mention Côté’s previous involvement as a radioshow host at Radio-Canada amongst others, and his writing for contemporary arts magazine Esse.

    Michel F Côté may best be seen as a kind of barometer of Ambiances Magnétiques’ creative activity throughout the years: from the song-form experiments of the 1980s through the peculiar lyrical impro-composition which was the signature sound of the AM catalogue in the 1990s, to continue with a more extreme form of improvisation, based on the physical existence of the instrument.

    blogue@press-3047 press@3047
    19 September 2002
    By Réjean Beaucage in Voir #809 (Québec), September 19, 2002

    Text

    “Chose certaine, ça risque de faire du bruit.”

    Le trio Klaxon Gueule lancera mercredi prochain, toujours sur l’étiquette Ambiances Magnétiques, son troisième album. Intitulé Grain, ce plus récent opus poursuit les explorations électroacoustiques entreprises sur le disque précédent, Muets, en les poussant à leur extrême. Si l’on pouvait encore reconnaître des sons d’instruments de percussion et de guitare sur une majorité des pièces de Muets, qui était en complète rupture avec le premier disque du trio, Bavards, la proportion est inversée sur Grain, où le trio de base, composé de Michel F Côté (percussions, MC 505, électronique), Bernard Falaise (guitares) et Alexandre St-Onge (basse, contrebasse et électronique), s’est adjoint les services de deux invités sur cinq des dix pièces de l’album afin d’épaissir les textures électroniques. L’explorateur sonore Christof Migone (Set Fire to Flames) est ici en terrain familier, tandis que Sam Shalabi (Shalabi Effect, Detention) laisse tomber sa guitare pour joindre ses transistors au concert de cliquetis. J’ai rencontré Michel F Côté et Bernard Falaise autour d’un bol de café et de quelques verres de cidre afin de savoir ce que nous réserve le concert du lancement.

    «Nos trois disques représentent des étapes précises dans la vie de Klaxon Gueule, explique Côté; il y en a eu d’autres, mais qui n’ont pas été documentées sur disque, c’est pourquoi les transitions d’un disque à l’autre ne sont pas forcément fluides. Sur Grain, il n’y a presque plus de batterie; le seul qui soit resté vraiment fidèle à son instrument, c’est Bernard.» Et Bernard Falaise est depuis longtemps passé maître dans la trituration électronique des sons de sa guitare. Ce dernier ajoute: «Lors de l’enregistrement, on savait pertinemment que l’on faisait des improvisations qui serviraient de base à des remix. On a choisi une douzaine de ces impros et, là-dedans, chacun de nous en a pris quatre ou cinq qu’il a remixées en s’octroyant toute latitude. C’est devenu franchement électronique, mais live, ce sera une autre paire de manches, surtout que le disque a quand même été enregistré en 2000. Les choses ont évolué.»

    Qui plus est, le trio aura beaucoup d’invités pour ce concert de lancement. En plus de Migone et Shalabi, qui collaboraient déjà sur le disque, il y aura le joueur de platines Martin Tétreault, vieil acolyte de Côté, le sculpteur de sons Jean-Pierre Gauthier, Frank Martel, qui nous a montré ses talents sur cet étrange instrument qu’est le theremin lors du dernier FIJM, et le guitariste Roger Tellier-Craig (Godspeed You Black Emperor!, Fly Pan Am). Bernard Falaise: «On fera une combinaison de pièces en trio, quintette, etc., et au moins une pièce tous ensemble.» Côté ajoute: «Tous les gens qu’on a invités sont concernés assez clairement par l’esthétique de notre dernier disque. Il y aura beaucoup d’électronique sur scène; tellement, en fait, que moi, je vais apporter ma batterie! On a toujours la volonté d’explorer de nouvelles avenues. Le show sera dans l’esprit du disque, mais on est déjà un peu ailleurs.» Chose certaine, ça risque de faire du bruit.

    blogue@press-2164 press@2164
    1 January 2001
    By Etero Genio in Blow Up #32 (Italy), January 1, 2001

    Press Clipping

    blogue@press-1413 press@1413

    Other texts in

    • Critiques de disques #34 (Québec), November 20, 2004