Côté, Dostaler, Fortune, Pedersen…

Miella Totomi

S 01
2016
CD
1 disc
12.95 CAD -15%

If radio doesn’t appear, it means you haven’t installed the Flash plugin or that your version is too old. You must also activate Javascript.

Radio ›› Miella Totomi
Miella Totomi
Flinging of dung (2015), 4m43s [excerpt]
Track 1 from Miella Totomi
CD: Sono sordo (2016) S 01
21 March 2017
By Ken Waxman in Musicworks #127 (Canada), March 21, 2017

Text

JGD’s other interest appears to be in updating to the twenty-first century the variant of jazz-rock-psychedelic fusion that permeated 1970s music.”

A Power Trio gone rogue, Montréal-based Just Got Death (JGD) matches the ingot-hard guitar flanges of Sam Shalabi with the surging bass thumps of Jonah Fortune and the nimble percussion accents of Michel F Côté in a program of seven originals that ricochet between punk-metal energy and sophisticated improvisation. Like a lapel flag pin which subtly declares the wearer’s convictions, proof of the band’s unique orientation is Côté’s understated drumming. Veteran of ensembles like Klaxon Gueule, his in-the-pocket or chronometer-like percussion pacing is smooth and non-disruptive. On tunes such as Vagrazo Hallottkemek and Early parasitic being for instance, his relaxed, steadfast rhythms create a solid tapestry upon which adornments, in the form of Shalabi’s finger-picking that sharpen notes with mandolin or banjo-like twangs, plus Fortune’s busy string slides and aggressive beat rolling, create appropriate adornments.

Like a thriller’s surprise ending however, this exposition only tells one part of Miella Totomi’s story. JGD’s other interest appears to be in updating to the 21st Century, the variant of jazz-rock-psychedelic fusion that permeated 1970s music. On several tracks gurgles and guffaws from Craig Pedersen’s muted trumpet and sputtering echoes from Guillaume Dostaller’s JX3P and Wurlitzer add vaporous embellishments to the redwood tough bottom created by the rhythm section. Especially notable is Non monotono where the electric keyboardist’s slide-whistle-like peeps bond with the guitarist’s buzzing top-of-neck frails to create a solid mass of pulsating timbres. This too-bulky mixture is only deflated by the trumpeter, whose grace notes provide needed lightness. Elsewhere, before disconnected Wurlitzer wiggles and snapping guitar spirals prevent interludes from breaking their moorings and fly away, Fortune’s consistent ostinato firmly ground them. This type of skillful in-the-moment expansion and recovery underlines the strength JGD displays throughout the disc. The remaining question is why a band that plays such intricate, life-affirming music chose a downer designation as its name?

blogue@press-5691 press@5691
1 February 2017
By Stefano Isidoro Bianchi in Blow Up #225 (Italy), February 1, 2017

Text

Just Got Death / Miella Totomi

Sam Shalabi (chitarra elettrica), Jonah Fortune (contrabbasso), Michel F Côté (batteria), Guillaume Dostaler (Wurlitzer) e Craig Pedersen (tromba), vale a dire i Just Got Death, fanno un’improvvisata effervescente e scattante, tutta giocata sul costante rimpallo tra la batteria scarna e nervosa di Côté e le corde cangianti di Shalabi (Early Parasitic Being), le cui rifrazioni metalliche, al loro meglio, danno vita a scale ed escandescenze raga (Mankind an sich) o spigoli e frammenti vitrei (Vagtazo Halottkemek), quando ad avere il sopravvento non è invece un jazz liquido e notturno, elettrico e davisiano (Non monotono). Quando la virtuosità non trascende mai, neanche per un secondo, nel virtuosismo. (7/8)

Pink Saliva / Tropical Fun & General Lightness

Toviamo il batterista Michel F Côté (più microfoni, amplificatore e lap steel) anche nei Pink Saliva, in compagnia di Alexandre St-Onge (basso ed elettronica) e Ellwood Epps (tromba), per il massiccio Tropical Fun & General Lightness, doppio titolo a cui corrispondono altrettanti CD. I pezzi sono mediamente brevi (tre-quattro minuti) e tutti segnati dalla presenza della tromba, che, combattendo strenuamente col corpulento basso di St-Onge, dà all’insieme un gusto più jazzato rispetto ai JGD. Tutti i brani sono una sorta di sketch, immagini improvvise, ritratti dal vivo dove su due-tre idee (afro, funk, bebop, free, anche ‘rock’) si costruiscono svolgimenti che esauriscono tutto lo spazio a disposizione perché il loro racconto sia perfettamente circolare: economia musicale allo stato puro. (7/8)

Klaxon Gueule / Ceci n’est pas

Quasi non ci si crede ma sono venti anni che i Klaxon Gueule esistono. La miglior formazione di rock sperimentale venuta fuori dal Canada negli ultimi — appunto — venti anni celebra l’anniversario con un box di tre CD in cui recupera trentatré tracce inedite registrate in studio tra il 1998 e il 2014; ognuno dei dischi ha un titolo ma nessuno ha indicazioni sulle date di registrazione, segno evidente che si devono intendere come opera unica senza legami temporali.

Joli rouge” parte con un’escrudescenza di onde radio drammatizzate e prosegue con convulsioni ritmiche trapassate da rumori d’industria, quindi arriva il primo dei tre primi piatti in forma di visionario techno-rock spaziale (Veut tout), quindi il secondo che è un puntillismo di note e accordi solidamente sparuti (Le maintenant ciblé) e infine il terzo primo che è una sonnacchiosa sequenza di sfasato jazz-noir («clefs»?). Quindi un sorbetto che si ricollega agli antipasti e poi i tre secondi piatti, il misterioso modulare ritmico di Gros-Kost, lo sciolto e levitante vibrare chitarroso Enterrement colorisé e il suo seguito Se spiraler. A chiudere un dolcetto (Germaine Salerou) e un po’ frutta (Plus radicalement négatif). Si potrebbero avere dubbi sul fatto che si tratti di rock ma non che non sia avant, però fidatevi: è improvvisazione rock su canovaccio jazz. (7/8)

Pâle gris” è meno coeso: provocazioni ambientali, jazz-rock d’antan, scatarri di rock acido (Jusqu’ici abominable), catapulte su un solo accordo (Grand modeste) formano un quadro provvisorio, talvolta incerto e comunque esplicitamente abborracciato da prove di studio senza un calcolo esatto della consequenzialità dei brani. Occasionalmente molto bello, complessivamente no. (6/7)

Infine “Weird Mauve”, che è della stessa pasta di “Pâle gris” ma sfodera qualche pezzo veramente bizzarro e curioso anche per i Klaxon Gueule: una frenesia percussiva dal retrogusto mediorentale (Voler?), uno sfrucugliamento che alle percussioni aggiunge una chitarra deliziosamente cinguettante (Dissolue, insaisissable), un esercizio para-elettronico e che mi ha ricordato i Residents (d’Hernani). (6/7)

Insomma, sia detto con rispetto ma questi tre CD sono dedicati ai fan oltranzisti della formazione canadese e raccolgono una serie di scarti, per quanto talvolta siano di ottima fattura. Da segnalare infine che, come nel caso dei dischi di Just Got Death e Pink Saliva (vedi sezione Altrisuoni), anche questo box è stampato in 100 sole copie numerate. (7) al trittico nella sua interezza.

blogue@press-5727 press@5727