Blog

1 January 2008
By Stefano Isidoro Bianchi in Blow Up #116 (Italy), January 1, 2008

Text

“L’attenzione richiesta dall’ascolto dei mille cripto-movimenti è ben ripagata dall’intelligenza del procedere, possibile e plausibile dialogo tra mondi riconciliati.”

I FenaisonRémy Bélanger de Beauport, Charity Chan e Kris Covlin — indagano il luogo in cui l’improv si sfliaccia fino al punto da diventare composizione contemporanea. Violoncello, flauto, pianoforte, sax, elettronica e oggetti amplificati, concorrono alla creazione di un flusso di suoni dai rimandi estremamente diversificati (cameristica, jazz, ombre di noise e persino di dixieland) eppure uniti nelle dinamiche usate — sospettose e dilatate, a tratti quasi silenti — e nei timbri degli strumenti, riottosi a incapsularsi in uno stile, a riprova della derivazione dei tre musicisti, provenienti da aree diverse e distanti. L’attenzione richiesta dall’ascolto dei mille cripto-movimenti è ben ripagata dall’intelligenza del procedere, possibile e plausibile dialogo tra mondi riconciliati. (7,5/10)

Limitrofa come disciplina ma del tutto diversa nei risultati i’impostazione data all’ensemble di dieci elementi a cui il violinista e violonista Del Fabbro affida la realizzazione dei tredici episodi di Agrégats. Molti strumenti acustici (fisarmonica, flauto, violoncello, clarinetti, trombone, contrabbasso, percussioni) e un tocco appena di elettronica per una musica che parte dal folk (si direbbe più mitteleuropeo che francofono o anglosassone) e si dipana in una dimensione orchestrale robusta e “importante” con svisate cha sanno di trascorsi avant-rock. (6,5/10)

blogue@press-3450 press@3450