Blog

1 April 2010
By Vincenzo Giorgio in Wonderous Stories #17 (Italy), April 1, 2010

Text

E’ ciò che emerge dalla poetica evidentemente disturbata e “dadaista” (per non dire parafisica) di Mankind (Ice Machine), vale a dire un incredibile duo femminile che sa muoversi con estrema disinvoltura tra “sospiri ritmici post-wyattiani” (Mile End Throat Singers), elettronica schizzata (Todo que tengo) e psyco-minimalismo à la Comelade (The Anti-Rules).

Ignaz Schick e Martin Tétreault (Live • 33 • 45 • 78) si presenta in un contesto ancora più radicale: quattordici tracce di radicalismo estremo dove i due musicisti si dividono non solo i canali (quello di sinistra Ignaz, a destra Martin) ma anche i marchingegni elettronici.

Nous Perçons Les Oreilles (cioè Jean Derome e Joane Hétu) con Shaman ne rappresentano - invece - il contraltare acustico attraverso dodici tracce inesorabilmente segnate dal trionfo del fiatismo improvvisativo (sax, flauti e oggetti vari e la voce stessa).

Dal canto loro Marilyn Lerner, Matt Brubeck e Nick Fraser con Ugly Beauties, pur continuando a muoversi nel campo della free-improvvisation, ci propongono patterns più delineati soprattutto con il “lirismo slabbrato” di Oubliette che, grazie all’ottimo violoncello di Matt si spinge nei pressi di certo camerismo contemporane, così come nell’intensa Figure lisse dove l’interplay “piano/violoncello” sostenuto dalla soffusa batteria di Fraser è davvero notevole.

blogue@press-4130 press@4130