Blogue ›› Archives ›› Par date ›› 2005 ›› Novembre

24 novembre 2005
Par Ilana Kronick in Hour (Québec), 24 novembre 2005

Texte

Foodsoon might be Alex MacSween’s latest project, but its seeds were planted long ago. MacSween, whose other musical endeavours have included Bionic and Detention (to pick a couple engagements from opposite ends of the rock/experimental spectrum), was urged to hook up with friend/avant-guitarist Bernard Falaise and experimental player Fabrizio Gilardino, but you know how it is, “a couple of years before even getting together,” then for every reason (but none of them particularly good) “having one jam and then eight months go by before the next one.” The point is, the trio is not just happening on a casual level, but is playing shows with recorded material in their pockets. After finally making it happen, Foodsoon, according to MacSween, is as loud and free-falling as he’d hoped. Structured around the novel idea of replicating the tape loop madness of defunct British band This Heat, the band revolves around, let’s say, structured happenstance within loose and breakable rock parameters. “Gilardino is particularly inspired by this primitive sampler that would use banks of cassette decks, all triggered with a homemade keyboard. The beauty of it was that you could have tapes playing on all these decks with left and right channels… and could tape the band live while they were playing and play back stuff,” says MacSween. With some variation on this theme and the addition of Falaise’s guitar concept and MacSween pounding away whichever way he sees fit (“There’s a trance aspect in it for me… kinda in the tradition of Dale Crover [Melvins]”) the outcome is, well… “Too many words are coming into my head to describe it… But I can tell you that what I get out of playing in this band is the same thrill I get out playing in a rock band,” he says. “Except it has the room to stretch like an improv group.”

blogue@press-3220 press@3220
10 novembre 2005
in Modisti (Espagne), 10 novembre 2005

Texte

[Traduction] Open collaborative concept allowing DJeeing to meet more abstract electronic noise. Rhythmic motives permeate the tracks and yet remain one possibility, alternating with harsh or subtler passages of digital sampling. Hyper-dense bruitism, improvisation and composition strike an interactive balance while the textures flow like lava rivers.

Discos

Concepto abierto que permite la colaboración del Djeeing y el ruido electrónico abstracto. Motivos rítmicos permean los cortes pero no siendo sino una posibilidad y alternando con pasajes más o menos duros de sampleado digital. Ruidismo hiperdenso, improvisación y composición en un equilibrio interactivo donde las texturas fluyen cual ríos de lava.

blogue@press-6117 press@6117
9 novembre 2005

Ectoplasmes 5x2 est un laboratoire de création en 2 lieux et tenu sur 3 jours. Premièrement, Manon Labrecque et Martin Tétreault présenteront une installation performative à la galerie PRIM les 25 et 26 novembre 2005. Ensuite, le 27 novembre 2005, une soirée d’actions, de projections et de performances se tiendra à la Société des arts technologiques avec les artistes Pierre-André Arcand, Mario Côté, Alexis Bellavance, Hugo Girard, Nikki Forrest, Nelly-Ève Rajotte en plus de Labrecque et Tétreault.

blogue@nouv-7606 nouv@7606
8 novembre 2005

Diane Labrosse, Martin Tétreault et Haco se retrouvent sur Lunch in Nishinomiya pour une série d’improvisations électroniques. Enregistré au Japon en 2003 et retravaillé ensuite par une série d’échanges courriels, Lunch in Nishinomiya est un nourissant repas de musique!

blogue@nouv-7599 nouv@7599
8 novembre 2005

Vancouver New Music présente The Appearance of Silence, Jocelyn Robert et Laetitia Sonami en concert, samedi le 12 novembre 2005 au Scotiabank Dance Centre.

blogue@nouv-7600 nouv@7600
8 novembre 2005
in Sands Zine (Italie), 8 novembre 2005

Texte

Nell’arco di pochi mesi la Ambiances Magnétiques ha pubblicato ben due CD che vedono coinvolto un componente degli Ossatura, dopo Elio Martusciello con il disco deiTaxonomy, che trovate già recensito, è adesso la volta di Fabrizio Spera, che è stato parte integrante di questo notevole collettivo. Ma non voglio rischiare di deviare il lettore, perché AnteNata era in realtà un progetto creato e diretto da Sabina Meyer e Daniela Cattivelli. L’ensemble visse solo una breve stagione intorno all’anno 2001, il tempo di dare qualche concerto e registrare il disco, e forse qualcuno si ricorderà di loro come StrixAluco. Quel nome non aveva mai convinto pienamente le protagoniste ed è stato cambiato in extremis con il più enigmatico AnteNata. La scelta mi trova pienamente d’accordo poiché StrixAluco sovraccaricava, con il suo palese significato, un progetto già caratterizzato di per sé sia dalla doppia leadership femminile sia dalla scelta di utilizzare dei testi liberamente tratti dall’opera di alcune scrittici-poetesse del Novecento (Ingeborg Bachmann, Patrizia Cavalli, Marina Cvetaeva, Meret Oppenheim, Sylvia Plath, Anne Sexton, Patrizia Valduga e Simone Weil). Se non conoscete le scrittrici in questione vi invito a cercare informazioni su tali ’antenate’ per ben mettere a fuoco lo spirito che animava le protagoniste di quest’avventura. La musica ha un taglio decisamente mitteleuropeo e fare il nome di un’altra donna, la cui presenza trasuda da ogni poro, è d’obbligo: Dagmar Krause. Stabilito ciò è bene comunque individuare l’autonomia del progetto da eventuali modelli, quali possono essere gli Henry Cow e famiglia, e la commistione della materia di base con elementi elettronici ed elettroacustici e con l’utilizzo di parti campionate. D’altronde appare evidente come l’apporto degli altri componenti non sia stato esclusivamente strumentale, ma anche di tipo creativo, e sia andato ad incidere su alcune scelte strutturali (ben al di là della firma che i quattro musicisti pongono alternativamente sotto alcuni titoli). Ma quello dei progetti aperti allo stimolo di tutti i musicisti coinvolti è un cavallo di battaglia tipico dell’ambiente che AnteNata rappresentava, quindi non si tratta di una novità, e comunque va sottolineato che l’ossatura del disco è saldamente nelle mani della Meyer e della Cattivelli. Quindi, riprendendo il filo del discorso, suggestioni mitteleuropee che si miscelano con la musica afroamericana (jazz? ma anche altro) sotto la benedizione di un santone qual è stato Frank Zappa - e qui bisognerebbe scomodare Igor Stravinskij, ma rischiamo di andare troppo lontano. È importante invece mettere un accento sull’importanza del disco perché, da una parte, ricopre un periodo dell’attività artistica di Daniela Cattivelli, quello successivo allo split delle Fastilio, poco documentato e dall’altra offre una delle rare occasioni in cui è possibile ascoltare la voce di Sabina Meyer. Cose preziose, perché la prima è un’ottima strumentista e compositrice e la seconda ha una voce bellissima. Avendo assistito ad uno dei loro primi concerti, con Paolo Angeli invece di Caric in formazione, non posso fare a meno di notare la notevole crescita che era in atto e, alla luce di ciò, rammaricarmi per la fine prematura del progetto, ma tant’è e vale la pena di gustarsi questo regalo ormai inatteso e, come tale, ancor più prezioso. Dico male?

Ps: splendide le immagini di Nanni Angeli.

blogue@press-2945 press@2945