La boutique des nouvelles musiques

Recensione

Dionisio Capuano, Blow Up, no 101, 1 octobre 2006

Giovani, tecnicamente dotati, ascoltatori trasversali della musica, Lauzier, Perkin e Kuster propongono la loro “differenza”, che rende speciale il “giorno speciale”. Un bilanciamento (melodia e arrangiamenti, rapporto scrittura e improvvisazione) tra jazz e rock in opposition (Bulgarian Rhythm). La musica si sviluppa suggestiva (Mélodie pentatonique), di traverso. Le ance di Lauzier suonano temi ed armonie che sono fluidificazioni di Art Bears, Henry Cow o News From Babel. Ad esempio, nell’intro di Tanz, e negli sviluppi a spartito di Broken Glass, dove è particolarmente esemplare il morphing tra i due “generi”, incarnato in maniera ipostatica da Perkin, il quale suona il contrabbasso su derive jazz, ma quando canta - vocalismi senza parole - ha cadenze art progressive. La tecnica percussiva di Kuster, con i suoi influssi cutleriani, accentua l’atmosfera Recommended. Affiorano altri retrogusti: la classica extracolta tonale, lo Stravinskij più leggiadro, il quid beffardo di Satie, la ballata popolare (The Cocoon). Cose nuove in una lingua meticcia che è ben più della semplice contaminazione di generi. (7/10)

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.